“Awen. Il confine” di Monica Zunica: le caratteristiche per un fantasy originale

Cosa rende il tuo fantasy originale?

  1. Il mondo immaginario: partendo da una cultura/leggenda. È importante essere documentati.
  2. Non le solite creature magiche, prendete spunto dal mito.
  3. Non i soliti poteri.

E Awen. Il confine di Monica Zunica ha tutte queste caratteristiche:

  1. Il mondo immaginario: la base narrativa di questo fantasy è un’antica leggenda gallese del V secolo. L’autrice fonde elementi della mitologia celtica e della cultura italiana e crea un nuovo mondo, con proprie usanze e leggi.
  2. Le creatura magiche: nelle Terre dell’Awen i personaggi perdono vita dalle pagine della letteratura italiana di Anna Maria Ortese, Dino Buzzati e Matilde Serao.
  3. Il potere: creativo, visionario, immaginifico, poetico e profetico, prende spunto dal significato gallese della parola “Awen” (ispirazione poetica).

Il mio pensiero

Empatia: sentire le emozioni degli altri e provarle come se si stessero vivendo.

Ho sempre ritenuto di essere una persona empatica. Potrei dire che so di esserlo, ma nessuno può definirsi da solo.
E forse proprio per questo Diana ha passato 10 anni della sua vita senza parlare, senza sapere chi fosse in realtà.

Il problema di noi empatici non è il sentire troppe sensazioni, ma non sapere, a volte, distinguere le nostre da quelle degli altri. Non sapere cosa affrontare e in che modo.

Non si trova spesso una storia in cui l’empatia è addirittura un potere e forse proprio per questo ho adorato tutto di questa storia.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...